Aggiungete anche il quasi omicidio di Dell’Utri, senatore bibliofilo reo di possedere e voler divulgare una copia di “Petrolio” (pagato con interminabili peripezie giudiziarie)

IL CASO MATTEI / FU UNA BOMBA, I LEGAMI CON GLI OMICIDI DI MAURO DE MAURO E PIER PAOLO PASOLINI

Fresco in libreria “Il caso Mattei”, edito da Chiarelettere e scritto a quattro mani dalla giornalista Sabrina Pisu e dal magistrato Vincenzo Calia, che a metà degli anni ’90 riaprì la bollente inchiesta, trovò nuove piste ma non riuscì a chiudere il cerchio.

Cerchio che invece era stato “chiuso” sia dal giornlaista siciliano Mauro De Mauro, che lavorava alla sceneggiatura del film di Francesco Rosi, sia da Pierpaolo Pasolini impegnato nella stesura del suo “Petrolio” al caloro bianco. Entrambi, De Mauro e Pasolini, erano arrivati alla meta, e per questo anche loro, dopo Enrico Mattei, “dovevano morire”.

LE ULTIME SCOPERTE DEL MAGISTRATO CALIA

Ma procediano con ordine, partendo dal libro appena uscito. In primo luogo viene affermato e poi spiegato con estrema chiarezza che non si è trattato di “incidente”, come hanno sempre sostenuto all’epoca i vertici Eni e i nostri servizi segreti di allora, il Sifar. Ma si sia trattato di un attentato in piena regola, attraverso il posizionamento di una bomba sul velivolo, un Morane Saulnier 760, che trasportava il capo dell’Eni Mattei, il pilota Irnerio Bertuzzo e il corrispondente di Time Life William McHale. Era il 26 ottobre del 1962 e il velivolo, partito da Catania, doveva atterrare a Milano, ma cadde a Bescapè, in provincia di Pavia.

Calia, nel volume, descrive la dinamica dell’incidente, scrive della verbalizzazione “mutata” dell’agricoltore-testimone oculare che prima parlò di fiamme a bordo, poi ritrattò; e fa cenno soprattutto alla super perizia effettuata da una officina di riparazioni dell’aeronautica di Novara, condotta sui resti dell’aereo dopo il disastro, quindi volatilizzatasi.

La copertina. In alto da sinistra Mauro De Mauro, Enrico Mattei e Pier Paolo Pasolini

E documenta, Calia, tutta l’azione di depistaggio svolta dal Sifar (soprattutto a proposito della sparizione della perizia, ma anche della testimonianza poi taroccata), e il ruolo negativo svolto dai media. Vengono ad esempio ricordati i feroci articoli di una firma come quella di Indro Montanelli, tutti anti gestione Mattei, quasi ad aprire la strada – come poi avverrà – al suo successore, Eugenio Cefis.

Ed infatti sia Di Mauro che Pasolini, nelle loro indagini, puntarono dritti al bersaglio grosso, Eugenio Cefis, già allontanato dall’Eni nel ’62, e poi, dopo la morte di Mattei, tornato in pompa magna. Tra i fondatori maximi della P2, Cefis diventerà il vero burattinaio degli affari italiani per oltre un decenno, impersonando quella “Razza padrona” che Eugenio Scalfari descrisse nel suo celebre libro.

UN FILM CHE FARA’ “TREMARE L’ITALIA”

Sintomatica la frase pronunciata dal giornalista dell’Ora di Palermo trucidato dalla mafia, Mauro De Mauro, che stava completando le sue indagini. Parlando con un collega dell’Ansa, Lucio Galluzzo, gli disse: “sarà un film che farà tremare l’Italia”.

Del resto sulla scrivania di De Mauro venne trovato il brogliaccio del “Petrolio” che Pasolini stava ultimando. Va poi ricordato, oltre al fondamentale capitolo “Lampi sull’Eni”, dove campeggia la figura di Cefis, anche il furto di una settantina di pagine, che mancano all’appello di Petrolio. Cosa contenevano? La chiave del giallo? Con ogni probabilità pagine di fuoco & petrolio, costate la vita a Pier Paolo.

Una lunga scia di sangue, quindi, tutta griffata Eni: prima muore Mattei, la cui politica anti sette sorelle (le regine del petrolio) e in favore dello sfruttamento dei giacimenti africani in una prospettiva di ben diverso sviluppo mediterraneo, con una autentica collaborazione tra Italia e Nord-Africa; poi Mauro De Mauro, il quale stava terminando il suo lavoro per il film di Rosi (che uscirà evidentemente monco di quelle esplosive rivelazioni); quindi Pasolini, con il suo Petrolio bollente che tirava le fila su quella catena di sangue & potere.

Tutto basta e arci-avanza per una nuova apertura dell’inchiesta (anzi delle inchieste) basata sul filo rosso che unisce i tre omicidi.

Intanto, la procura di Roma dorme: due anni e mezzo fa il legale degli eredi Pasolini, Stefano Maccioni, ha chiesto la riapertura delle indagini, basandosi su una perizia del Dna, e scoprendo che vi sono almeno altre due presenze sulla scena del delitto, Ignoto 2 e Ignoto 3 (l’Ignoto 1 era evidentemente Pino Pelosi). Una prova schiacciante, presentata al pm Francesco Minisci, una strada spianata su cui procedere: ma fino ad oggi nessuna notizia.

Forse il pm Minisci è troppo occupato con il suo incarico di vertice all’Associazione Nazionale Magistrati, dove a marzo è stato nominato presidente?

 

 

LEGGI ANCHE

GIALLO PASOLINI / DA UN ANNO LA PROCURA DI ROMA DORME: QUEL TEST SUL DNA NON S’HA DA FARE

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...