Approvata legge pro-gay che istituisce il reato di libero pensiero

L’Umbria approva la norma regionale contro l’omofobia. Che però di fatto fa nascere un tribunale degli omosessuali in ambito lavorativo e scolastico

Giuseppe De Lorenzo   il giornale- Gio, 06/04/2017 – 12:48 La scusa è sempre la stessa: evitare le discriminazioni gay. Ma dietro la norma contro le “violenze determinate dall’orientamento omosessuale” approvata dal Consiglio regionale dell’Umbria si nasconde molto di più.Un retroterra ideologico con l’unico malcelato obiettivo di mettere un bavaglio, coprire i dissenzi, importare un modello unico di pensiero così tanto alla moda quanto minoritario.

La legge è tutt’altro che un semplice elenco di buone intenzioni per evitare che i gay vengano ghettizzati. Anzi. Si è trasformata in una sorta di editto con cui le associazioni Lgbt potranno diventare gli inquisitori unici in ambito sanitario, lavorativo e scolastico. Grazie alla leggina voluta dalla maggioranza Pd che sostiene la governatrice Catiuscia Marini, sigle come Arcigay e Anddos avranno libertà di azione nel trasmettere alle scuole l’ideologia gender, nel controllare aziende e enti pubblici e nel promuovere iniziative per far conoscere (e apprezzare) la cultura Lgbt. Non vorremmo esagerare, e neppure rimediare nuova querela, ma se la dottrina da diffondere è quella dei circoli delle dark room, dei glory hole e delle orge omo documentate in più servizi giornalistici, allora c’è motivo di essere preoccupati.

Discriminati per cosa?

Per capire tutte le ambiguità della norma umbra pro-Lgbt bisogna partire da una lacuna di fondo che rende tutti gli articoli museruole alla libertà di parola: nell’articolo 1 si parla infatti di “lotta alle discriminazioni omosessuali”, senza però spiegare nello specifico quali atti o espressioni vadano considerate offensive. Come spiegato dal consigliere regionale Sergio De Vincenzi, “la legge non definisce la fattispecie della discriminazione, ma afferma il principio della percezione della discriminazione slegata dal fatto reale accaduto”. In sostanza, basta che un gay si senta emarginato per accusare chiunque di omofobia. Anche se non è successo nulla. Per esempio: un padre racconta al figlio che i gay non possono avere bimbi? Potrebbe essere considerata una posizione lesiva della dignità omosessuale. E così potrebbe essere punito da chi ha di fatto istituito il reato di libero pensiero.

Controllo di “qualità gender” nelle imprese

Chi ha avuto l’ardire di leggere fino a questo punto, si sieda e si prepari ad osservare da vicino i punti oscuri dell’ignobile legge. Partiamo dal mondo del lavoro. Il Pd ha avuto la straordinaria idea di assegnare alle suddette associazioni il ruolo di “monitoraggio” in ambito professionale. Costringendo imprese, aziende e pmi a sottostare ai capricci dei leader gay. Diranno che non è vero, ovviamente. Ma sono stati gli stessi promotori ad ammettere nel corso della discussione in aula che alcuni commi sono stati scritti da “loro”, ovvero sotto dettatura delle sigle omosessuali.

Le mani sulle scuole

La legge infatti non è difensiva, ma offensiva. Nel senso che non intende solo limitare gli atti di bullismo, ma vuole “favorire la diffusione” della cultura dell’identità di genere. Per trasmettere l’idea che il sesso sia la “percezione che una persona ha di sé” e non un dato biologico, è prevista l’offerta di eventi culturali pro-gay, la promozione di “corsi di formazione professionale per il personale scolastico”, di “seminari per i genitori” e di “interventi di consulenza” da parte delle Asl in modo da “rimuovere gli ostacoli” all’accettazione della propria identità di genere. Se dunque un genitore non vuole che a suo figlio venga insegnato che il martedì può mettersi il trucco e il mercoledì vestirsi di azzurro, si faccia da parte. Non spetta a lui decidere come educare il pargolo, ma alle sempreverdi associazioni Lgbt in collaborazione con l’Asl. Per fortuna le opposizioni sono riuscite a far emendare l’articolo in cui era previsto l’indottrinamento diretto sui giovani, eliminando i corsi sul gender da scuola e limitandoli a genitori ed insegnanti. E non è poco.

L’Osservatorio-tribunale

Poi però per elevare le sigle gay a giudici di ultima istanza sulle realtà (omo)sessuali, l’Umbria ha ben pensato di creare un Osservatorio regionale speciale che profuma di dittatura della minoranza. Ne faranno parte 6 membri del mondo Lgbt e solo 3 delle associazioni delle famiglie. E hanno il coraggio di chiamarla parità, maledetta coerenza. L’Ente peraltro avrà l’importante ruolo di monitoraggio dei fenomeni di discriminazione e di denuncia di eventuali atti omofobi. A dargli man forte ci sarà il Co.Re.Com, il Comitato Regionale per le Comunicazioni con il compito di imporre la linea del pensiero unico a televisioni, giornali e pubblicità. Controllando i “contenuti” scomodi e organizzando programmi appositi per trattare tematiche omosessuali. Guai a chi non s’allinea.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...